Editoriali



Filippo Graziani

EDITORIAL

Sedersi sulle spalle dei giganti

April 15, 2021 - di Filippo Graziani


Uno dei miei scrittori preferiti di sempre, Umberto Eco, divenne -da professore di semiotica quasi sconosciuto- uno scrittore best-seller di fama internazionale grazie al debutto del suo iconico libro: “Il Nome della Rosa”. Il libro, insieme all’altra sua opera “Il Pendolo di Foucault”, ha segnato le mie letture durante il periodo della mia adolescenza.

Non starò qui a parlare della trama che tutti voi conoscete - non è vero, “perio people”? - ma mi concentrerò su uno specifico aspetto: la relazione tra il Frate Francescano William di Baskerville e il Novizio Benedettino Adso da Melk.

Il narratore della storia è Adso, anziano e provato dalla vita, che ricorda alcuni fatti importanti della sua giovinezza. A spiccare è un forte senso di ammirazione per il suo mentore, che trasuda da ogni pagina del libro. Nonostante siano passati molti anni, Adso è ancora visibilmente grato agli insegnamenti della sua guida, nonostante la consapevolezza delle sue debolezze e difetti.

Filippo Graziani

EDITORIAL

Sol Invictus

November 06, 2020 - di Filippo Graziani


Le persone intorno a me sanno molto bene che amo vedere questi tempi duri come un'opportunità. Un’opportunità straordinaria. In effetti, si potrebbe vedere la bellezza della mancanza di controllo. La totale assenza di appigli da afferrare è qualcosa che temiamo, ma anch'essa, devo dire, ha intrinsecamente un grande fascino. Come potrei trovare nuovi percorsi, nuove esperienze se non perdo il controllo? Come potrei innamorarmi se non perdo il controllo?

Recentemente qualcuno mi ha detto che l'armatura più robusta è costruita tra le fiamme dell'inferno. Questo è vero tanto per gli esseri umani quanto per i batteri (anaerobici). La durezza e le difficoltà ci renderanno più forti, più resilienti, più capaci di affrontare qualsiasi altra avversità. Ma credo che la nostra resistenza appena acquisita non dovrebbe solo permetterci di diventare più solidi o più duri. Confido che la responsabilità principale sia integrare la nostra nuova resistenza con il dono più prezioso che tutti abbiamo ricevuto. 

Filippo Graziani

EDITORIAL

Il "giorno dopo" della parodontologia

July 02, 2020 - di Filippo Graziani


La vita è cambiata. Punto.

Ritorneremo mai alle nostre (vecchie) vite?

È piuttosto chiaro: Viviamo in tempi senza precedenti - le parole che abbiamo ripetuto così spesso negli ultimi mesi sono diventate una sorta di parola d'ordine, un mantra, una specie di conversazione di apparente ripetitiva banalità ... Ma sappiamo bene che i mesi passati sono stati tutto fuorché una banalità ... Come fondatore dell’Herald posso confermare che l’idea vincente è stata capire in che modo avrei potuto stimolare e sostenere la (crescente e adorata) comunità dei nostri lettori in questi tempi terribili. Per il momento, vorrei condividere i miei pensieri su alcuni traguardi specifici.

Filippo Graziani

EDITORIAL

Benvenuto Periocampus HERALD

February 25, 2020 - di Filippo Graziani


Sono il professore di Parodontologia dell'Università di Pisa. Sono anche professore onorario in Parodontologia presso l'Università di Hong Kong e l'University College di Londra. Ho avuto l'onore di servire la Federazione Europea di Parodontologia come Presidente. 

Ma in tutta onestà: Ho odiato l'odontoiatria per una parte significativa della mia vita.

Da ragazzo, carico di ambizione, pensavo che ognuno dovesse scegliere un lavoro che, in un modo o l’altro, lasciasse il segno nelle generazioni a venire. Essere odontoiatra mi è sempre sembrata una sorta di “ambizione” minore.

Nel caso ci si chieda cosa mi ha guidato nella scelta, la risposta è molto semplice: venivo da una famiglia di dentisti da generazioni. E quindi ho provato l’esame di ammissione, sono passato e ho iniziato il mio cammino. Risultato: primi 2 anni veramente miserabili.

Ora, 20 anni dopo, sono disperatamente innamorato del mio lavoro. Ma cosa è che ci fa amare quello che facciamo?  

Infatti, pensateci per un momento… cos'è che vi motiva le vostre scelte?